Satispay è un’altra di quelle fintech italiana molto particolari.

E lo è perché permette di fare pagamenti solo grazie al proprio smartphone in negozi fisici iscritti al servizio.

La particolarità è che non è un conto corrente, non è una carta di credito, non è una carta prepagata e non un servizio tipo google pay o apple pay.

Si si, hai ragione. Andiamo al dunque.

Satispay è un metodo di pagamento. Ed uno di quelli molto semplice da utilizzare.

All’atto dell’iscrizione si inserisce l’iban del proprio conto principale (ricordate? Quello per le spese) e si imposta un budget settimanale che va dai 25 ai 100€.

Ogni domenica viene chiesto un accredito al conto e viene trasferita la cifra stanziata su Satispay, quei soldi poi possono essere usati per pagare tutti i negozi che hanno fatto l’iscrizione (ma anche per pagare bollettini, rav, ricariche telefoniche, etc).

Ma perché dovrei farmi Satispay invece di avere una carta fisica?

CASHLESS CON SATISPAY

Collegando le vostre carte a google pay o apple pay e con l’iscrizione a Satispay potete girare senza portafoglio. Vi sembra una cazzata? Pensate se una notte passate per una brutta strada e venite derubati. Vi rubano il telefono? E sti cacchi tanto senza touch id e password possono farci ben poco. Ma il simpatico ladro non potrà rubarvi denaro fisico.

CASHBACK CON SATISPAY

Si perché ciclicamente (in genere di venerdi) si hanno sconti del 10% in gran parte dei negozi iscritti al servizio. Si paga il conto e immediatamente Satispay reinvia il cashback con la percentuale di sconto. E inoltre se fate la ricarica telefonica tramite Satispay avete sempre uno sconto (e ben 2€ alla prima ricarica di sempre).

AIUTATE I COMMERCIANTI

Satispay aiuta le attività in due maniere: non necessità di POS per essere usato e ha costi di commissione bassissimi. E per i negozianti equivale ad un grande risparmio nel corso dell’anno.

Non so se siete fuori dal mondo ma una delle più grandi critiche dei negozi al cashless è proprio quella del costo del posso e della percentuale fissa presa per ogni transazione.

Usando Satispay il pos non serve e le commissioni sono basse, anzi praticamente sono azzerate. Usatelo se volete aiutare i negozianti.

CONCLUSIONI

Tutte buone ragioni per usare Satispay.

L’unico punto un po’ fastidioso è che voi impostate un budget settimanale e non potete “ricaricare” il servizio quando volete, dovete per forza aspettare la domenica per avere nuovo credito disponibile

Quindi se il mercoledi avete speso 25€ fino a domenica vi rimane zero credito su Satispay, un po’ una noia ma a quel punto potete alzare il budget settimanale.

Se invece avete la domenica avete del credito in eccesso (ad esempio un amico vi ha passato del denaro) la differenza tra il vostro budget e la cifra in eccesso vi viene reinviata sul vostro conto corrente.

Ad esempio se io la domenica ho sul mio profilo 30€ e il mio budget è fissato a 25€, i 5€ in eccesso vengono reinviati sul vostro conto corrente.

C’è però un trick per avere dell’extra budget su Satispay e ve lo spiego qui.

Chiaro tutto giusto?

Ecco, allora se volete iscrivervi a Satispay e aiutare il blog potete scaricarlo (iOS e Android) e usare il codice promozionale VITTORIOSIMONE che vi garantiscono 2€ omaggio all’iscrizione.

Se vuoi leggere altri articoli vai sulla WikiCafona, seguimi su Twitter o Telegram. Puoi sostenere Finanza Cafona economicamente acquistando su Amazon, facendo una donazione con Ko-fi o usando i miei codici Fintech:

  • AMERICAN EXPRESS: 5% di cashback sugli acquisti per 6 mesi richiedendo la Blu American Express con questo link
  • BUDDYBANK: 40€ gratis se aprite un conto corrente come nuovo cliente usando il codice 589733
  • VIVID MONEY: conto e carta gratuita, ricchi cashback, 3 mesi prime gratis, 10€ in regalo dopo una spesa di 20€
  • YAP: 10€ in regalo con VITTORIOSIM
  • CURVE5€ alla prima transazione con il codice GDP4LQVE