Tra le tante cose che non sopporto nella vita c’è una che forse ho in comune con voi: l’odio per Montemagno. Anche se ha idee imprenditoriali interessantI ho spesso paura di trovarmelo a parlare anche nella tazza del cesso mentre piscio. E’ OVUNQUE, le sue interviste sono al limite dello spam.

Sembra che intervisti sta gente solo per poter dire “We, visto quanto sono famoso?”..

In risposta a questo modo di fare le interviste ho deciso di aprire una nuova rubrica: #PopularTalks (non sono abbastanza ricco per chiamarlo #GreatMountainSuka) in cui intervisterò assoluti sconosciuti facendogli domande sulla gestione delle loro finanze.

Non mi fotte un cazzo di avere amici importanti e, nonostante sia un’elitista che vi disprezza prendendovi per il culo, sono convinto al 1000% che la gente normale abbia delle risorse inaspettate molto superiori a quelle di tanti capoccioni.

In tutte le interviste userò nomi fittizi per nascondere la loro vera identità e proteggerli da potenziali assalti sessuali. 

Incominciamo con la mia fidanzata, una persona che ha sostenuto dal day 1 questo blog e insistito affinché lo prendessi sul serio (potete ringraziarla o mandarla a cagare, a seconda di quanto vi piace questo sito).

Ciao Afrodite, sei la prima intervista di questa nuova rubrica. Benvenuta su Finanza Cafona!

Perché mi chiami Afrodite?

Se, come al tuo solito, avessi ascoltato quello che dico sapresti che uso uno pseudonimo per coprire la reale identità degli intervistati. 

Ah ok, ma perché Afrodite?

Perché Afrodite è la divinità greca della bellezza, dell’amore e del desiderio. Mi sembrava una bella associazione ma si forse è il caso che cambi il nome. Senti Santippe, tu sei una grafica giusto?

Allora, ti ho già detto MILLE VOLTE che sono una grafica ma sono una UX designer, è ho studiato anni per arrivare a questo punto, facendo mille lavoretti e arrivando fino a…

… Come quella volta al lago di Martignano in cui hai, vabbè hai capito quello che intendo giusto?

Si. Quindi sei una disegnatrice grafica UX e lavori in un società a contratto dipendente.

T’ammazzo, ma si.

Ecco, parliamo delle cose finanziare, che forse è meglio. Sei una lavoratrice con un contratto dipendente a tempo indeterminato. Diciamo che il dualismo tra il mio essere un mercenario (o freelance in lingue esotiche) e il tuo “posto fisso” è stato motivo di discussione in molti casi in passato, puoi spiegarmi l’idea che hai su questi approccio al lavoro?

Veramente è fonte di discussione anche nel presente.

Sicuramente il tuo poter “scegliere” a quale progetto lavorare e quanto chiedere, con le varie postille del caso, mi rende un tantino invidiosa; facendo parte di una grande azienda non ho scelta sul progetto di lavoro e il mio stipendio è fisso, ma resta il fatto che ancora oggi il lavoro dipendente ha una stabilità lavorativa più concreta, sia di stipendio che nello spazio-tempo, maggiore rispetto alla tua (😀) e la cosa mi piace.

Perchè il lavoro dipendente ti fornisce tanta sicurezza nonostante la legislazione in merito non lo renda così sicuro come in passato? E’ una questione psicologica?

Psicologica in primis e anche in secundis.

A prescindere non mi possono cacciare dall’oggi al domani, e già è tanto, poi se ami e sai fare bene il tuo lavoro, il peso lo senti meno. Dopodiché sai perfettamente che ho vantaggi su tanti fronti: sulla malattia, sulla richiesta di un mutuo, un leasing di una macchina, un contratto per un semplice affitto, richiesta di finanziamento, ecc.

Poi lo stipendio è sempre quello e tu hai molti più soldi di me magari, ma il Capo a casa sono io 😀

A LEI! Ma parliamo del lavoro in versione Covid: sei una delle tante smartworker italiane, come ti stai trovando a lavorare da casa?

Mi sento fortunata ad avere un lavoro che posso svolgere da casa, così da stare meno a contatto con.. TUTTI! Ci sono i lati positivi come quelli negativi.. il negativo è che me so rotta i coj**i.

Non ho contatti umani con i miei colleghi e tutta la mia realtà quotidiana da un anno, vedo solo 5 persone in croce. Te compreso. E qui mi fermo.

Si a volte mi do fastidio da solo, ma aspetta un attimo… quindi dobbiamo tornare a Milano?

Sì, e sbrigati a trovare un lavoro fisso sù.

Tra le altre mille cose che hai fatto quello che mi piace molto è ciò che hai realizzato con l’Edicola di famiglia. Sei riuscita a portare nel digitale (con un sito online e mille servizi nuovi) un tipo di attività che viene data come spacciata. Puoi spiegare ai tanti che si piangono addosso perchè lo avete fatto e il perchè di questa scelta?

La risposta è molto semplice: ogni attività imprenditoriale se non curata e aggiornata con le giuste accortezze, MUORE. Bisogna evolversi e lasciare spazio a quello che di positivo la realtà di ora ci offre.

Capisco che a seconda del mercato di riferimento sia o facile o difficile; nel mio caso (Edicola) sarebbe stato molto più pericoloso NON fare nulla, che pensare ad una strategia economica e comunicativa d’effetto e funzionale.

Cavolo.. si fa quasi tutto da seduti, con un pc e uno bravo al seguito! A me piacerebbe molto ritornare al baratto per campare, ma purtroppo devo abbandonare questa idea.

Alla fine i risultati come sono stati?

Avete mai visto un’Edicola con 28 recensioni su Google e 20 su Facebook?
I risultati con molta pazienza sono arrivati, la gente è entusiasta dei servizi che offriamo, e con loro anche noi.

Parliamo di sordi contanti. Io ti considero una con le mani bucate ma effettivamente ti godi il tuo lavoro, diciamo che sei molto brava a comprare… quale è stato il tuo percorso da risparmiatrice e come gestisci il tuo denaro?

Come ben sai.. perché sembra la storia del poro nonno in guerra, i primi 3 anni di stipendio li ho praticamente bruciati: ho comprato tutto.  

Dopo aver comprato tutto, sono passata all’azione del Risparmiare senza togliermi qualche sfizio. (N.B. Se un mese spendevo troppo, quello successivo ero una formichina). Il primo passo finanziario è stato aprire un’assicurazione non vincolata sulla vita così da mettermi da parte mensilmente tot Euro. Ne ho avute 3. Il secondo è stato aprirmi un Conto Deposito. Il terzo è stato usufruire di parecchi vantaggi che offrono le varie piattaforme: es. Groupon, The Fork, App per la spesa, ecc.
Et voilà!

Col tempo di che errori ti sei resa conto nella gestione delle tue entrate? Come ti sei evoluta?

Probabilmente avrei fatto meno Assicurazioni sulla vita per risparmiare, perché quelle non Vincolabili, se vuoi i tuoi soldi prima della scadenza, hanno una penale gigantesca. Sono utili, ma in parallelo è necessario avere qualcos’altro. Avrei preferito continuare con un conto deposito o qualche bell’investimento.

Spezzo un attimo il ritmo dell’intervista con la domanda più importante: cosa ne pensi di Montemagno?

Ma chi è? Ah, quello pelato?

Esattamente. Vabbè parliamo di gente che ha ancora i capelli (per qualche anno si spera): questo blog e il mio perenne borbottare per casa dopo il sedicesimo pacco di pasta che hai comprato cosa ti ha insegnato?

Un po’ di sana informazione finanziaria fa decisamente bene! E che hai rotto le palle con tutti gli excel e i miei pacchi di pasta. I soldi sono miei e compro quello che voglio!

Ultima domanda per la curiosità dei lettori e per il mio personale ego: una parola per descrivermi.

Rompicoglioni.

L’importante è l’amore insomma, grazie per essere intervenuta, ci vediamo dopo in cucina.

Spero che questa nuova rubrica in cui intervisto sconosciuti vi sia piaciuta perché è utilissima per avere nuovi articoli sul blog senza rompermi i coglioni nel fare recensioni di carte o trucchetti dozzinali.

Se volete essere tra gli illustri sconosciuti intervistati in #PopularTalks scrivetemi

Se vuoi leggere altri articoli vai sulla WikiCafona, seguimi su Twitter o Telegram. Puoi sostenere Finanza Cafona economicamente acquistando su Amazon, facendo una donazione con Ko-fi o usando i miei codici Fintech:

  • AMERICAN EXPRESS: 5% di cashback sugli acquisti per 6 mesi richiedendo la Blu American Express
  • DIRECTA SIM: bonus commissionale di 50€ per i nuovi clienti inserendo nelle note del modulo d’adesione la dicitura: “Codice AMICO AM08279” e facendo un eseguito entro il 15 novembre
  • BUDDYBANK: 40€ gratis se aprite un conto corrente come nuovo cliente usando il codice D966DF
  • VIVID MONEY: conto e carta gratuita, ricchi cashback, 3 mesi prime gratis, 20€ in regalo dopo una spesa di 20€
  • YAP: 10€ di cashback sugli acquisti con il codice VITTORIOSIM
  • CURVE5€ alla prima transazione con il codice GDP4LQVE 
  • SATISPAY: 2€ gratis con il codice VITTORIOSIMONE
Tagged in:
INTERVISTE