Nonostante vi maltratti ad ogni articolo voi siete sempre molto carini e continuate a scrivermi, farvi domande, fidarvi di me e a sostenermi.

Alcuni addirittura lanciano sfide che perdono miseramente (ciao Marco, tutto bene con la pinzetta spuntata?) quindi oggi voglio rispondere con una di quelle cose hipster che gli americani chiamano Q&A.

CHE LAVORO FAI NELLA VITA?

Non l’ho mai detto specificatamente ma ho lasciato disseminati tantissimi indizi sul blog. Scoprire il mio nome e cognome poi è una cazzata ma, fino ad ora, ci sono riuscite solo 2 persone.

Capite perché vi tratto male?

MA PARLI COSI CON LE PERSONE ANCHE NELLA VITA NORMALE? QUANTE VOLTE T’HANNO MENATO?

Sono polemico, dico tante parolacce e mi incazzo facilmente anche nella vita di tutti i giorni. Ma sono un borghese biondo che ha fatto le scuole cattoliche a roma nord e con tendenze democristiane quindi sono estremamente paraculo.

Anche per questo non m’hanno mai menato (ma c’è sempre una prima volta).

MA COME FAI AD ESSERE SIA SIMPATICO CHE BELLO E INTELLIGENTE, COME SEI USCITO COSI?

Ciao mà! <3

PERCHÉ NON C’E’ UN CANALE INSTAGRAM, YOUTUBE OLTRE DAL BLOG?

Finalmente una domanda decente!

Ho aperto il blog per gioco e per migliorare la mia scrittura poi, post lockdown 2020, mi ci sono messo di tigna ed è “esploso”. Con tutta sincerità è un gioco e lo prendo come tale, quindi se non scrivo un articolo non cambia niente nella mia vita, al massimo vi deludo.

Il blog è un impegno relativo che non impatta con il mio lavoro principale o con la vita di tutti i giorni, aprire un canale Youtube è un vero e proprio lavoro e lo stesso vale con Instagram (mezzo che peraltro odio a morte).

Sono perfettamente conscio di stare perdendo diverse opportunità economiche e di notorietà, ma non mi interessa. Il mio obiettivo nella vita è non avere rotture di coglioni o sentire obblighi personali, una scelta editoriale di questo tipo mi esaurirebbe mentalmente in poco tempo.

Quindi per ora non aprirò un cazzo. Gli unici social su cui potete seguirmi sono Twitter o Telegram oppure potete mandarmi una email.

TI SENTI RESPONSABILE PER I LETTORI DI QUELLO CHE SCRIVI?

Partendo dal principio che mi sento responsabile anche del cassonetto del vetro sotto casa la risposta è: si, terribilmente.

I post sul risparmio o sui trucchetti sono molto terra terra quindi uno può sfruttarli o meno ma sono sempre efficaci. Per quanto riguarda concetti più grossi (tipo il macro tema investimenti) chiedo sempre conferma ad amici fidati e rileggo mille volte il testo (riuscendo comunque a fare refusi).

In generale amo prima sperimentare su di me i vari servizi e poi parlarne.

Prima testo sul campo e poi, forse, ne parlo. In passato non l’ho fatto (come con Gimme5) e me ne pento tuttora.

COSA NE PENSI DELL’INFORMAZIONE FINANZIARIA IN ITALIA?

In generale credo che il panorama italiano sia interessante e in via di sviluppo ma questo riguarda community, profili particolari (tipo questi 5 su instagram) e pochissimi blog.

Per quanto riguarda l’informazione finanziaria classica come le riviste è semplicemente tremenda, d’altronde lo è anche l’informazione della carta stampata generica. Questo perché è auto riferita, corrotta, scandalistica e fatta sul chiacchiericcio piuttosto che sui fatti.

Ci si scandalizza per una parolaccia e poi molti giornalisti scrivono cazzate e si inebriano nel loro onanismo narrativo. Merda, insomma.

Detto ciò leggete tutto comunque perché si trova sempre del buono in tutto, il principio è sempre quello di saper discernere il buono dall’inutile e dal saper valutare la notizia in funzione del proprio interesse. 

QUANTI SBLEURI HAI GUADAGNATO VENDENDO IL SITO? EH EH! SVEGLIA11!!1

Te sei quello che legge solo le prime 5 righe di un articolo, veh?

NON PARLI DA TEMPO DI INPS, DOCUMENTAZIONI BUROCRATICHE ET SIMILA, COME MAI?

Ci sono due motivi: uno è per il tema, l’altra è una scelta editoriale.

Il primo motivo è che parlare di queste cose è una grande rottura di coglioni.

Il motivo editoriale è che, all’inizio scrivevo un po’ di tutto poi ho trovato (all’incirca) una quadra capendo qual è il pubblico a cui voglio parlare: persone su massimo 40 anni, autoironiche, curiose, interessati alla finanza personale ma spaventati dal mondo che c’è dietro e dal modello di comunicazione stile Sole24Ore.

Fare articoli tipo “come si fa il reddito di cittadinanza” o “come funziona il bonus nido” non porterebbe al blog questo tipo di lettori, anzi persone tipo INPS al servizio del cittadino gente sorda, ignorante e molto pigra. Inonderebbe poi il blog di commenti di merda.

Insomma meglio pochi ma buoni (pensa te il livello se voi siete buoni).

SCRIVERAI MAI UN LIBRO SUL TEMA FINANZA PERSONALE?

Marina, ti ho già detto mille volte che non credo di essere in grado di fare un libro, ti prego di non insistere. Dillo anche a tuo padre perché state sul filo del vaffanculo.

Comunque un giorno, forse, se me va, se supero la pigrizia… po’ esse.

MA ALLA FINE COME VA IL BLOG? CI GUADAGNI?

Guardo ossessivamente analytics anche se non ho riferimenti a livello di concorrenza, quindi non saprei dare una valutazione obiettiva.

Posso dire che l’ultimo anno Finanza Cafona ha avuto 100k di view e qualche decina di migliaia di utenti, su Reddit ogni tanto mi citano e in generale Finanza Cafona sta diventando un brand. La mia fidanzata mi definisce micro influencer, io non so cosa voglia dire.

Per quanto riguarda i guadagni io prendo soldi da voi solo tramite i referral, acquisti su Amazon e tramite donazioni con Ko-fi.

Detto ciò si ci sto guadagnando abbastanza e ripago abbondantemente i costi di gestione del sito, grazie!

Personalmente quindi mi ritengo soddisfatto anche se potrei fare di più e avere risultati ancora migliori.

A CHI TI ISPIRI FINANZIARIAMENTE?

Senza alcun dubbio a lui.

COME SCELGO IL MIGLIORE FONDO PENSIONE? MEGLIO COMETA O IN AZIENDA? BLA BLA BLA

Ragazzi vorrei davvero aiutarvi ma sono una partita iva e non so un cazzo di questa roba. Il mio fondo pensione sono gli investimenti in borsa e in ETF che sto facendo, stop.

Ve lo dico con il cuore e sono da un anno alla ricerca di qualcuno che possa scrivere un guest post eppure non mi caga nessuno.

Aho poi se c’è qualcuno tra di voi che vuole farlo… scrivimi!

PENSI CHE MONTY TI FARA CAUSA?

E’ molto probabile ma a quel punto lancerò una campagna di donazioni che mi frutterà 200k.

Con quel denaro potrò sviluppare la mia terribile vendetta in salsa vichinga oppure li potrei usare per far sembrare Malika una vergine vestale. Devo ancora decidere.

PERCHÉ NON PARLI DI P2P LENDING?

Perché è una merda fatta per rubare soldi a gonzi.

Finanziereste un’azienda in una paese del secondo o terzo mondo incapace di accedere al credito bancario in quanto senza garanzie e tramite una piattaforma non regolamentata e che non vi da supporto legale? Ecco, questo è il P2P.

Mettete pure che falliscono in continuazione e gli unici che ci guadagnano sono i blogger con i referral e avete fatto jackpot.

Per la cronaca ho rifiutato diverse offerente di partnership da piattaforme italiane ed estere.

QUESTO ARTICOLO E’ UN TAPPA BUCHI E LE DOMANDE SONO FALSE VERO?

Ti lascerò il dubbio mio simpatico subconscio!

Se vuoi leggere altri articoli vai sulla WikiCafona, seguimi su Twitter o Telegram. Puoi sostenere Finanza Cafona economicamente acquistando su Amazon, facendo una donazione con Ko-fi o usando i miei codici Fintech:

  • AMERICAN EXPRESS: 5% di cashback sugli acquisti per 6 mesi richiedendo la Blu American Express
  • DIRECTA SIM: bonus commissionale di 50€ per i nuovi clienti inserendo nelle note del modulo d’adesione la dicitura: “Codice AMICO AM08279” e facendo un eseguito entro il 15 novembre
  • BUDDYBANK: 40€ gratis se aprite un conto corrente come nuovo cliente usando il codice D966DF
  • VIVID MONEY: conto e carta gratuita, ricchi cashback, 3 mesi prime gratis, 20€ in regalo dopo una spesa di 20€
  • YAP: 10€ di cashback sugli acquisti con il codice VITTORIOSIM
  • CURVE5€ alla prima transazione con il codice GDP4LQVE 
  • SATISPAY: 2€ gratis con il codice VITTORIOSIMONE
Tagged in:
FAQ, Q&A