Ti sei dato alle pulizie primaverili e ti sei reso conto di avere casa piena di oggetti di merda e inutili? La soluzione si chiama decluttering ovvero tagliare e eliminare i rami secchi (oggetti) che hai a casa.

E so che senti l’istinto frenetico di fare ordine per un sacco di motivi:

  • Hai trovato un sacco di scatole di ventilatori, frullatori elettrici, pc con pentium 3 e spremiagrumi in ogni anfratto della casa
  • Stai facendo il trasloco e ti rendi conto di essere invaso da oggetti assolutamente inutili o che ti eri scordato di avere
  • Hai letto il libro di Marie Kondo o hai scoperto qualche documentario finanziario sul minimalismo e ti è venuto un senso di colpa indicibile

Ecco ora è il caso di dare un senso a questo sentimento di angoscia, smettere di vedere le stronzate di quella giapponese pariolina e muovere il culo. Ti guido io.

 
pulire casa minimalismo

RENDITI CONTO CHE HAI UN SACCO DI COSE INUTILI IN CASA

Nel 1985, come regalo di nozze, mia madre e mio padre ricevettero un servizio di piatti. Non era l’unico servizio e quello era il più brutto, quindi richiusero la scatola e la misero nel soppalco.

E’ il 2021 e quella scatola ha fatto 5 traslochi, dentro ci sono delle pagine della Repubblica che raccontano l’ascesa di un giovane e rampante politico di sinistra: Massimo D’Alema.

Quei piatti non solo non sono mai stati usati ma sono stati un peso per anni e anni. Ce li siamo portati appresso per diversi traslochi e, anche se venissero aperti, fanno schifo.

Ma allora perché non sono stati semplicemente buttati? Perché il meccanismo umano è corroso da due sentimenti:

ACCUMULAZIONE

Le persone si sentono più soddisfatte quanti più oggetti accumulano.

Eppure questa ebbrezza dell’avere tante cose è passeggera, comprare un oggetto aumenta la propria serotonina, ma poi arriva il senso di colpa: avere tanti oggetti ci rende più stressati e infelici.

Io sono un tipo minimalista quindi la cosa mi tange poco, però nel tempo sono stato un fiero accumulatore dei più disparati oggetti, spesso facendo acquisti totalmente inutili

E proprio in qualità di accumulatore convertito mi sono reso conto che l’accumulazione selvaggia e senza senso porta ad una serie di problemi:

  • economici (avete speso soldi, limitati, inutilmente)
  • mancanza di spazio (comprate casa più grandi solo per contenere oggetti)
  • psicologici (siete vittima degli oggetti)

Basterebbe fare un po’ di decluttering per tagliare la testa al toro.

PIGRIZIA

Abbiamo la tendenza a lasciarci andare, a trasformare gli errori in normalità a non fare subito le cose demandandole ad un domani molto futuro. Quando poi arriva il problema ci troviamo a smadonnare.

La cosa peggiore di tutte è che questi vizi vanno a inficiare anche le tue performance sul lavoro.

Se ha almeno 30 anni avrai capito che i mali del mondo vengono da due cose: la pigrizia e le persone stupide che hanno un sacco di voglia di fare. 

Per i pigri c’è un sano calcio in culo, il calcio in culo per sistemare casa si chiama decluttering.

LA MIA GUIDA AL DECLUTTERING

Prima di tutto scegli la stanza o la parte di armadio da cui cominciare a ripulire.

Fai un planning di casa e su dove come cominciare. Sii razionale e non pensare di sistemare tutto in una giornata: non ce la farai mai.

In ogni cassetto dell’ armadio si nasconde un multi universo e, col passare delle ore, perderai lucidità, buttare cose di cui ti pentirai in futuro. Vale quanto detto per organizzare i propri documenti.

A questo punto avrai tre strade per il decluttering in quanto un oggetto vecchio e che non usi ha 4 possibili strade: tenerlo, buttarlo, venderlo, regalarlo.

E qui che entra in gioco questo semplice schema a prova di idiota:

Quindi prendi quattro sacchi da condominio dividili per ogni funzione e incomincia a riempirli con la tua merda. Fai così finche non hai finito ogni anfratto del mobile, della stanza e poi della casa.

Tieni i doppioni degli oggetti solo se hanno una funziona diversa (tipo piatti di tutti i giorni e per gli ospiti), frulla tutti i cavi di stampanti del ‘500, tutte le scatole di cartone e pacchetti vari.

Visto che non sei un’animale fai lo step successivo e cerca di dividere le cose da buttare in modo da fare una corretta raccolta differenziata.

REGALARE GLI OGGETTI

Gli oggetti che possono essere ancora utili a qualcuno ma non hanno valore monetario puoi regalarli.

In parrocchia o nei centri di raccolta di abbigliamento in genere accampano tutta una serie di scuse oppure vengono rivenduti nei mercatini delle pulci, quindi ti consiglio di fare un giro di messaggi tra amici oppure di utilizzare i gruppi su facebook.

VENDERE GLI OGGETTI

Vendere online e offline può essere un processo lungo e noioso.

Non tutti poi sono degli abili venditori di fumo come me quindi in passato ho fatto una breve guida sui trucchi per vendere che ho imparato in anni di vendite online e offline.

In linea generale per oggetti di elettronica, libri, collezionismo, abbigliamento ti consiglio di portare tutto alla catena del mercatino dell’usato

Potrai essere pagato sia con soldi contanti (ma tipo per il 50% della vendita) oppure in credito per comprare oggetti nel mercatino (in questo caso con un guadagno migliore).

Mi sembra quindi chiaro che non ci guadagnerai i miliardi ma avrai qualche soldino extra e in più ti libererai della maggior parte della roba in mezzo pomeriggio.

Il modo migliore per guadagnare qualcosa rimangono Ebay, Facebook Marketplace, Subito.it e per i vestiti ti consiglio Vinted, app che non ha costi di commissione e le spedizioni a prezzo agevolato.

PRONTO AL DECLUTTERING?

Vedi di non fare la pippa come tuo solito, armati di santa pazienza e comincia a dare una pulita a quella discarica che chiami casa.

Quando vedrai la stanza più vuota, con meno oggetti ammassati sentirai una sensazione di benessere che non può acquistare nessuno shopping sfrenato.

Se vuoi leggere altri articoli vai sulla WikiCafona, seguimi su Twitter o Telegram. Puoi sostenere Finanza Cafona economicamente acquistando su Amazon, facendo una donazione con Ko-fi o usando i miei codici Fintech:

  • AMERICAN EXPRESS: 5% di cashback sugli acquisti per 6 mesi richiedendo la Blu American Express
  • DIRECTA SIM: bonus commissionale di 50€ per i nuovi clienti inserendo nelle note del modulo d’adesione la dicitura: “Codice AMICO AM08279” e facendo un eseguito entro il 15 novembre
  • BUDDYBANK: 40€ gratis se aprite un conto corrente come nuovo cliente usando il codice D966DF
  • VIVID MONEY: conto e carta gratuita, ricchi cashback, 3 mesi prime gratis, 20€ in regalo dopo una spesa di 20€
  • YAP: 10€ di cashback sugli acquisti con il codice VITTORIOSIM
  • CURVE5€ alla prima transazione con il codice GDP4LQVE 
  • SATISPAY: 2€ gratis con il codice VITTORIOSIMONE

FONTE IMMAGINE: https://www.flickr.com/photos/spin_spin/2877784014