Molti di voi penseranno che i personaggi intervistati in #PopularTalks siano una creazione della mia fervida fantasia. Non è così, ma se lo pensate oggi vi capisco, infatti l’ospite di oggi è Bea: un’imprenditrice digitale su OnlyFans.

Ok vi lascio un secondo per metabolizzare la cosa.

Fatto? Bene. Visto che sono totalmente matto mi sono messo a scrivere una pietosa mail in cui presentavo il mio progetto alle poche ragazze italiane che frequentano la piattaforma.

E ho trovato ben 2 folli dall’accettare la mia proposta, la prima intervistata è Bea.

Preparatevi perché è l’articolo più lungo del blog. E si, Bea è bella. E si in coda all’articolo vi lascio i link dei suoi canali.

Ora parliamo di cose serie però.

intervista finanzaria guadagno onlyfans

ALLORA!!!!! Niente basta un pelo digitale per mandarli a 3000! Scusali Bea ma sono delle bestie immonde, anche se mi pagano l’affitto. Un po’ come i tuoi followers immagino! Incontri sempre scemi come me oppure sempre persone a modo?

In effetti il tuo messaggio mi ha stupita, pensavo fosse uno scherzo…

Siamo in un mondo virtuale dove chiunque può dire ciò che vuole, nascondendosi dietro ad una tastiera, quindi si può trovare chiunque. 

Mediamente, in ogni caso, ho sempre trovato persone a modo.

Dipende poi molto dal tipo di social: Reddit ad esempio è composto quasi esclusivamente da americani, e devo dire che è l’utenza più educata e meno volgare di tutte, ma soprattutto comprende immensamente di più lo spirito di OnlyFans e valorizza in maniera molto maggiore l’impegno che mette una ragazza per pubblicare contenuti: per loro si tratta di TIP, ovverosia di mance che rappresentano il loro sostegno, lo fanno di loro spontanea volontà, spesso senza chiedere nulla in cambio ma solo con frasi del tipo “You are so hot, thank you for the great time you give me!”.

E i ragazzi italiani invece?

Gli italiani invece, presenti soprattutto su Instagram sono mediamente più cafoni e maleducati, oltre che finti moralisti.

Mi scrivono persone di tutti i tipi: da ragazzi e uomini di qualsiasi età (dai 18 ai 70 anni) che mi fanno semplicemente i complimenti, a personaggi facoltosi e più o meno famosi che mi propongono incontri in cambio di denaro o di qualsiasi altra cosa (dal chirurgo estetico, al professore universitario, al ricco milanese che per qualche incontro mi può inserire nel mondo dello spettacolo…).

Ma soprattutto la cosa che fa più ridere è che mi scrivono in privato per chiedermi altre foto, magari non censurate, e quando indico loro il mio link OnlyFans la loro risposta è “No grazie! Non pago per vedere una ragazza nuda!”

… come se andare al cinema, a teatro o in qualsiasi altro “visual show” che ha richiesto tempo e impegno fosse gratuito! 

D’altra parte siamo nel regno degli All You Can Eat, dove si pensa alla quantità e non alla qualità, preferisco persone con abbastanza cervello per distinguere la differenza tra OnlyFans e Pornhub, la prima una piattaforma con un contatto diretto con la ragazza, la seconda una piattaforma un po’ più “finta” popolata soprattutto da professionisti e dove non c’è spazio per il dialogo, le foto, le live, i messaggi privati.

Bisogna considerare OnlyFans come un Facebook senza censure, la struttura in fondo è quasi la stessa.

Ho cominciato subito a chiederti dei tuo fan ma la protagonista dell’intervista sei tu, ci racconti un po’ di te e cosa fai nella vita?

Sono Beatrice, ho 23 anni e vivo nel nord Italia. 

Cosa faccio? Beh, ho una vita normalissima, come tutte le ragazze della mia età: ho un compagno che amo da impazzire con cui convivo felicemente, amo viaggiare, ascoltare musica praticamente in ogni momento, adoro la buona cucina, le uscite con gli amici, leggo molto la sera prima di andare a dormire, faccio fitness per tenermi in forma. 

Amo il sesso, e amo la bellezza dell’essere umano, che si tratti di un uomo o di una donna (è un modo diverso per dire che sono bisessuale? Direi di sì, anche se tra il cazzo e la patata scelgo il primo come piatto principale e la seconda come antipasto).

Parlo quattro lingue e ho due attività: lavoro come manager nel campo del turismo e della ristorazione, e sono una sex worker (quest’ultima cosa forse è quella che più interessa ai tuoi lettori, vero?).

Beh spero che leggano il blog anche per i contenuti finanziari! Però è il momento di farti la domanda che vogliono farti tutti: Montiimagno sarebbe bellino in lingerie o è uno spettacolo che è meglio risparmiarsi?

Se Monty facesse dei contenuti con me potrei lanciarlo in questo mondo e farlo diventare un perfetto sex worker! 

Diciamo che saprei come farlo parlare di meno, se lo incontrassi… 😛

Ah, prima gli sistemerei anche il pizzetto perché esteticamente non va bene!

Mmmm stupido sexy Flanders… ma torniamo al sodo! Siamo tutti incuriositi dal tuo secondo lavoro su onlyfans, ce ne parli?

Ho iniziato quattro anni fa pubblicando alcune fotografie su un sito internet, e per un paio d’anni ho proseguito così, assieme al mio compagno, che ha come hobby proprio la fotografia e che adora realizzare scatti di nudo. 

Dopo essermi resa conto del successo e delle potenzialità, siamo sbarcati su Instagram e infine un anno fa, nel pieno della pandemia, avendo molto tempo per creare ancor più contenuti, abbiamo iniziato a realizzare dei video. 

Per fare questo abbiamo acquistato del materiale fotografico tra cui una Reflex professionale con diversi obiettivi, delle luci, dei cavalletti, insomma abbiamo allestito un vero e proprio set fotografico, anche se con il tempo siamo passati a location diverse come i luoghi esterni, dove mi diverto maggiormente a realizzare contenuti.

E’ stato un investimento importante che abbiamo fatto esclusivamente per passione e divertimento (non avevo mai guadagnato nulla per questa passione, l’ho sempre fatto per puro piacere) ma abbiamo iniziato a valutare l’ipotesi di sbarcare su OnlyFans se non altro per ripagarci i costi “vivi” delle attrezzature e tutto il tempo che dedicavamo a questa attività (anche il tempo ha il suo costo, giusto?). 

Il passo non è stato facile e l’abbiamo valutato attentamente, pensando ai pro e ai contro di entrare in una piattaforma esplicita, senza censure. Ma alla fine i “pro” hanno prevalso e quindi ci siamo buttati.

In poco tempo, inaspettatamente, gli iscritti, che pensavamo sarebbero stati solo qualche decina, sono diventati centinaia e poi migliaia, e in un anno siamo arrivati a quasi 2 mila, toccando i TOP 0,5% tra tutti i creators di OnlyFans. 

La cosa ci ha meravigliato ma ci ha fatto piacere, e così abbiamo deciso di rendere questa passione un vero e proprio lavoro.

Ti hanno fatto proposte per fare porno? 

Ho ricevuto diverse proposte per lavorare nel mondo del porno con attori professionisti, ma ho sempre rifiutato, per diversi motivi: innanzitutto perché il porno professionale non mi piace, lo trovo estremamente finto e costruito oltre che, in molti casi, volgare.

Poi, economicamente, per me non ha senso, visto che per girare porno non si guadagna molto e non ne vale la pena.

Più o meno ho capito come funziona onlyfans, però mi spieghi cosa fai giornalmente per i tuoi fan?

Avere una pagina OnlyFans è, come ho detto, un vero e proprio lavoro, se si fa seriamente e con impegno. 

Si tratta di lavorare con il proprio corpo pubblicando foto e video e tenere uno stretto contatto con tutti gli iscritti. 

Usando le altre piattaforme ci si fa conoscere, è un po’ come mostrare su diversi siti internet il trailer del tuo film gratuitamente, in maniera più o meno esplicita in base al tipo di social che si sta usando.

Il film vero e proprio, invece, è su OnlyFans, e (giustamente) per vederlo interamente si paga una quota mensile oltre a poter parlare direttamente con me.

Quali sono i servizi che offri?

Oltre ai contenuti “standard” ci sono poi dei servizi extra, con un costo a parte, che offro a chi ha determinate richieste: dalla realizzazione di fotografie e video personalizzati secondo i gusti del mio fan, ad una videochat privata, ad una GFE (Girlfriend Experience), ovverosia una chat testuale dove, in base al pacchetto scelto, diventerò la “fidanzata virtuale” del mio follower per un giorno, una settimana o un mese, e quotidianamente si può chiacchierare, chiedere consigli, scambiarsi foto e raccontarsi la propria quotidianità). 

Poi ci sono anche richieste più particolari come chi mi chiede di spedire alcuni miei indumenti dopo averli indossati (che vanno dalle calze, ai collant, agli slip). 

D’altra parte ognuno ha le sue fantasie e perversioni (quest’ultima parola vorrei fosse intesa con un’accezione positiva, non negativa) ed è giusto che vengano assecondate, se non mancano di rispetto a nessuno e non fanno male a nessuno!

Questo è il mio modo di lavorare.

Ho visto che c’è un costo di abbonamento mensile e poi costi extra per video, foto e servizi extra. Tu come ti comporti con i prezzi su onlyfans?

Offro il 99% dei contenuti già all’interno dell’abbonamento mensile di $9,90. 

Purtroppo la maggior parte delle ragazze non fa così, ovverosia fa pagare l’abbonamento, offre un po’ di contenuti ma poi mette comunque la maggior parte dei video e delle foto a pagamento, mandando il cosiddetto TIP, costringendo l’abbonato a pagare continuamente extra per “sbloccare” le varie pubblicazioni. 

Questo a me non piace, se tu paghi per un mese hai accesso a tutto, con l’esclusione di video particolarmente lunghi (parliamo di 20, 30 minuti), magari realizzati assieme ad altre ragazze, che hanno richiesto giornate intere di lavoro. 

Ma sul mio OnlyFans, una volta pagato l’abbonamento, hai accesso a tutto ciò che pubblico (parliamo di circa 4/5 nuove foto e video ogni giorno).

Il tuo ragazzo immagino sarà anche il tuo stagista, cosa fa per aiutarti in questa attività?

Ahahah “stagista” è un po’ riduttivo! Siamo una squadra, il mio compagno è il mio fotografo ufficiale e cura il materiale che poi vado a pubblicare. 

Una vera e propria attività professionale, quindi, che altro non è se non un lavoro di modella che, invece di posare con costumi o con intimo, posa senza veli e offre servizi personalizzati ai suoi fans. 

Nulla di così strano o di “sbagliato”, secondo il mio punto di vista! 

Naturalmente proseguo anche con il mio lavoro “tradizionale” nel campo del turismo e faccio una vita, come detto, assolutamente normale, ma OnlyFans ormai sta diventando la mia attività principale. 

Bea questa intervista è spaziale, ma siamo quasi a 10 minuti di lettura e rischio il wall of text, ovvero l’anatema di tutti i blog. Serve una foto.

Posso darti una delle mie, va bene nuda?

Si perfetto! Qua non siamo borghesi pudici, va benissimo.

intervista guadagno onlyfans finanziaria bea

Ammazza, sei venuta benissimo nella foto! Ma hai preso la decisione di aprire un account per qualche motivo specifico?

Sono sempre stata una ragazza a cui piaceva farsi notare, ammiccare con le persone, flirtare e stuzzicare per divertirsi un po’ e per evadere dalla quotidianità. 

E’ nella mia natura e con il mio compagno ho potuto esprimermi ancora meglio perché, insieme, siamo riusciti a creare dei giochi di coppia per dare più pepe al nostro rapporto. OnlyFans, quindi, mi ha permesso di espandere ulteriormente questa mia “indole”.

Questo blog parla di una cosa molto semplice: soldi. Quanti soldi guadagni con onlyfans? 

Calcola che il mio abbonamento mensile a OnlyFans è di $9,90. 

Da qui bisogna togliere il 20% che si trattiene la piattaforma, quindi restano $7,90. Che vanno convertiti in euro, quindi siamo attorno ai 6,70 euro. 

Praticamente chi si abbona mi paga “ben” 5/6 caffè al mese (e poi si lamentano! Come se non offrissero aperitivi e caffè a tutte le colleghe di lavoro magari per poterle vedere un capezzolo dietro alla camicetta! Fa ridere, vero?).

Personalmente comunque, se vogliamo dire dei numeri, sono attorno a dodicimila euro al mese.

Momento momento momento… 12 mila al mese? 12k è davvero davvero tanto (convertito in euro quanto un dirigente italiano). Mi spieghi a questo punto perché continui a fare il primo lavoro?

Questo lavoro ha dei limiti, sia di tempo che di vita. 

Non può essere un lavoro che dura per un tempo infinito, e comunque più breve rispetto ad altri lavori. 

Ci sarà sicuramente un momento della mia vita in cui vorrò fermarmi, come nel caso in cui decidessimo di allargare la famiglia facendo un bambino (anche se i contenuti con il pancione piacciono molto, spesso scatta un “blocco” psicologico, una forma di protezione, che ti fa dire basta a questo tipo di attività). 

Inevitabile poi che, proprio come una modella, il tempo non giochi a proprio favore, d’altra parte non credo farei contenuti superati i quarant’anni! 

E, infine, dopo ciò che è (quasi) successo a OnlyFans, sappiamo che da un mese all’altro le regole potrebbero cambiare e quindi è sempre meglio mantenere in piedi altri progetti. 

Come si suol dire “avere un piano B” è utile, e poi la finanza insegna di diversificare sempre, sia le attività che gli investimenti, giusto?

Giustissimo! Se penso a come ero io a 23 anni rispetto a te mi viene da piangere. Cacchio. Glissando sulle mie lacrime: come utilizzi il denaro che guadagni? Come pensi di usare i risparmi?

Calcola che per offrire sempre contenuti di alto livello c’è sempre bisogno di nuove location, di nuovi spunti, di nuovi outfit. 

Oltre al fatto che io lavoro con il mio corpo e quindi mi mantengo sempre in forma, con molta attività sportiva e con trattamenti estetici (non parlo di chirurgia estetica, sono assolutamente naturale, intendo laser, trattamenti alla pelle, ai capelli etc.).

Una parte dei soldi guadagnati, quindi, li utilizzo per acquistare nuovi vestiti, nuove scarpe, nuovo intimo. 

Acquisto poi dei nuovi sex toys, anche su suggerimento dei miei followers. Viaggio molto per poter realizzare foto e video in diversi posti (camere di hotel particolari, mare e montagna) esattamente come fanno le influencer di Instagram. Ho un personal trainer e il mio centro estetico.

Insomma, la quotidianità è come quella di una modella professionista, tranne che lei ha già i viaggi pagati, i vestiti pagati, i ristoranti pagati mentre lavora, io no e quindi devo pagarmi tutto (ovviamente il viaggio è anche un piacere, ci mancherebbe!).

Per il resto, i soldi li metto via per la casa che ho con il mio compagno e che ci stiamo sistemando piano piano, senza fretta, conosco il valore del denaro e cerco sempre di pensare al futuro, senza mai montarmi la testa e buttando via i soldi in stupidaggini.

Per pagare le tasse hai una partita iva? E che cazzo di codice Ateco hai? Perché ho visto su vari sotto reddit che non è ben inquadrata dalla nostra normativa, sbaglio?

Macché, sono tutte scuse, basta aprire una normalissima partita IVA come fa una modella, la forma societaria poi può essere come libero professionista o una SRL. Ovviamente si pagano tasse e INPS. 

Tra una cosa e l’altra, quindi, rimane meno del 50%, a meno di andare con regime forfettario ma vi sono limiti di reddito piuttosto bassi. 

Per guadagnare bene su OnlyFans bisogna fare numeri molto importanti, avere oltre mille abbonati.

In generale cosa è il denaro per te?

Il denaro è un mezzo per migliorare la tua quotidianità e per avere un futuro più sereno, ben conscia che non si potrà mai comprare la felicità assoluta, la salute e la propria serenità mentale.

Ci sono molte persone ricche ma totalmente infelici.

Poi, come diceva Marilyn Monroe, “Dicono che il denaro non faccia la felicità, ma se devo piangere preferisco farlo sul sedile posteriore di una Rolls Royce piuttosto che su quello di una carrozza del metrò”. Quindi sì, il denaro “agevola” tutto. 

Potersi permettere il viaggio in un resort a cinque stelle rispetto ad una pensione è bello. Potersi permettere di acquistare un bel vestito invece di sceglierlo al mercato è bello. 

Ma il denaro non compra la stabilità familiare, per me essenziale per vivere bene. Non compra l’amore. Non compra la gioia, quella vera.

Molto simile a quello che ho detto nella guida alla finanza per principianti, ma continua…

Mi sono tolta molte soddisfazioni, quella più grande è avere un compagno che mi ama a prescindere da come sono, economicamente ed esteticamente, avere degli amici, pochi ma buoni, accanto a me sui quali poter contare, e avere la grande fortuna di poter viaggiare, ovunque nel mondo, perché l’esperienza di un viaggio non ha paragoni ma soprattutto la porti dentro di te per sempre. 

I soldi meglio spesi sono proprio per girare il mondo!

Non hai paura però che, un giorno, quando e se avrai smesso con questo lavoro ti possano riconoscere per strada e valutarti male per quello che hai fatto online?

Se si ha paura del giudizio della gente è meglio non fare questo lavoro. 

Non si manca di rispetto a nessuno, non si fa nulla di male, si lavora con il proprio corpo, e se si possiede un bel corpo (grazie a Madre Natura e grazie all’impegno quotidiano) è bello mostrarlo.

Posso citarti una frase del poeta e pittore William Blake? “Art can never exist without naked beauty displayed”.

Sono io, in questo caso, a porre delle domande ai tuoi lettori.

Vai libera!

La bellezza femminile intesa come esposizione del proprio corpo; il mostrarsi orgogliosamente senza vergogna e senza pensare di far del male a qualcuno; il trasformare l’immagine della femmina in un’opera d’arte, attraverso le forme che più si avvicinano a questo scopo (parlo soprattutto di fotografia) al giorno d’oggi, in Italia, è ancora visto in maniera negativa a causa dell’elevato tasso di bigotteria delle persone, oppure ci si può permettere di lasciare che ci si faccia fotografare senza essere giudicate poco di buono (per non usare altre parole ben peggiori)?

E, andando ancor di più nella nostra quotidianità, una ragazza sicura di sé e del suo corpo, può serenamente mostrarsi nel modo che le pare, vestendosi come vuole, esaltando le sue forme e le sue curve (la bellezza non è un corpo necessariamente magro o perfetto, anzi!) oppure bisogna nasconderlo perché si viene giudicate solo perché si mostra qualche centimetro in più della propria pelle?

E’ pronta l’Italia a considerare anche il corpo femminile mostrato senza veli come una forma d’arte, oppure siamo ancora troppo indietro affinché non ci siano commenti di persone ignoranti e invidiose che ti giudicano una pu****a se dichiari esplicitamente che a te il nudo, anche esplicito, ti piace e lo faresti senza problemi?

A me le risposte non interessano particolarmente, perché non verrò mai influenzata da chi mi può giudicare male per ciò che faccio. 

Il primo punto è quindi è analizzare il contesto ma poi bisogna anche valutare la propria personalità, giusto? 

Dico solo che se una ragazza sente che nella propria natura le piace mostrarsi, deve e può buttarsi in questo mondo, altrimenti deve starne alla larga. 

Sono scelte che bisogna fare con consapevolezza perché ciò che si pubblica su internet rimane online e non si può averne sempre il controllo; ben diverso di chi si fa fotografare e filmare in un momento di gioco privato e poi si vede sbattuta su whatsapp o su siti internet senza che lo si voglia.

Sappiamo bene le conseguenze psicologiche che possono portare anche al suicidio, quindi per fare questa attività bisogna essere molto mature ma soprattutto avere una “resistenza” e un menefreghismo molto forte delle persone che, inevitabilmente, di fronte a te o dietro di te, ti giudicheranno.

Dalla tua esperienza onlyfans è una piattaforma davvero per tutti? In particolare a chi può interessare e quali caratteristiche personali devi avere per riscuotere successo?

OnlyFans è per pochissime, non per tutte! 

Conosco decine di ragazze che, in piena pandemia, hanno pensato di entrare su questa piattaforma illudendosi di guadagnare uno stipendio (o di diventare ricche!). 

In realtà hanno racimolato qualche iscritto e poi hanno abbandonato perché è importante essere sé stesse il più possibile. Chi fa finta di essere la ragazza trasgressiva quanto in realtà non lo sente dentro, non avrà successo.

Ma è un impegno quotidiano, ed è impossibile da fare se una ragazza lavora già otto ore al giorno, poi vuole uscire con gli amici, farsi le serate e poi trovare anche il tempo di realizzare contenuti di qualità. 

Io posso permettermelo perché il mio lavoro “principale” è flessibile, sono impegnata solo alcuni giorni alla settimana e mi piace una quotidianità semplice senza continue serate e aperitivi. 

Se esco, semmai, lo faccio senza mutandine per poter fare qualche foto e video al ristorante o al centro commerciale (una delle cose che più mi divertono!).

Si ho visto che vanno forte sul tuo profilo twitter. In generale credi che alcune competenze carpite da questa esperienza ti torneranno utili in futuro? Quali in particolare?

Ma certo! 

La prima competenza non ha prezzo, ovverosia l’apertura mentale che mi sta dando questo lavoro: ho imparato ancora di più a seguire la mia indole, ovverosia il piacere nel mostrarmi e nel mettere sensualità ed erotismo nel quotidiano. 

Ho imparato a fregarmene ancora di più delle persone che ti giudicano. 

Ho imparato quanto sia importante prendersi cura del proprio corpo, della propria salute. Poi ho acquisito competenze in ambito fotografico, di tecniche di ripresa e di posa. 

Ma le competenze più importanti rimangono quelle che riguardano la propria crescita personale e mentale, che mi permettono di guardare il futuro con serenità psicologica, che conta tanto quanto la serenità economica.

Siamo ai titoli di coda e credo sia doveroso da parte tua darci tutti i link dei tuoi profili. 100% becchi nuovi fan!

  • Il mio link principale è quello di Linktree
  • Se si vuole andare direttamente al mio OnlyFans

Un saluto a tutti i tuoi lettori e grazie a te per avermi dato l’opportunità di parlare.

E’ bello sapere che c’è qualcuno che vuole saperne di più di questo mondo, di questo settore così particolare di cui si parla solo per criticare (spesso per invidia) pensando che dietro ci siano delle ragazze che sanno solo mostrare un sedere mentre, forse, ci sono anche dei cervelli!

Porca zozza qui di cervello ce n’è tantissimo e dimostra come questa piccola rubrichina sia strapiena di sorprese inattese. Grazie Bea!

Spero abbiate apprezzato questa lunga intervista e siate arrivati fino alla fine. Credo che PopularTalks evidenzi come, anche tra persone poco poco conosciute, ci siano una marea di racconti ed esperienze interessanti e soprattutto che ci sono persone più logorroiche di me.

Nei prossimi giorni arriverà anche la seconda intervista a un imprenditrice di OnlyFans (avrete ormai capito che non è titolo scritto così), ma dovrete attendere qualche giorno.

Se vuoi leggere altri articoli vai sulla WikiCafona, seguimi su Twitter o Telegram. Puoi sostenere Finanza Cafona economicamente acquistando su Amazon, facendo una donazione con Ko-fi o usando i miei codici Fintech:

  • AMERICAN EXPRESS: 5% di cashback sugli acquisti per 6 mesi richiedendo la Blu American Express
  • DIRECTA SIM: bonus commissionale di 50€ per i nuovi clienti inserendo nelle note del modulo d’adesione la dicitura: “Codice AMICO AM08279” e facendo un eseguito entro il 15 novembre
  • BUDDYBANK: 40€ gratis se aprite un conto corrente come nuovo cliente usando il codice D966DF
  • VIVID MONEY: conto e carta gratuita, ricchi cashback, 3 mesi prime gratis, 20€ in regalo dopo una spesa di 20€
  • YAP: 10€ di cashback sugli acquisti con il codice VITTORIOSIM
  • CURVE5€ alla prima transazione con il codice GDP4LQVE 
  • SATISPAY: 2€ gratis con il codice VITTORIOSIMONE

Tagged in:

,