Avete presente quello stipendio che ricevono, ogni mese, i vostri nonni e gli vieni gentilmente inviato dallo stato italiano?

Si chiama pensione. E’ un modo per permettere a tutti i cittadini, sopratutto anziani e non più in grado di lavorare di avere del denaro con cui pagare affitto, cibo, bollette, etc.

E uno “stipendio” che varia a seconda di quanto avete lavorato e quanti contributi avete versato (in realtà anche a chi non ha fatto o versato nulla nella sua vita).

Probabilmente questa cosa ti interessa relativamente perchè, se mi leggi, sarai un millennial o anche più giovane.

Ma è importante che tu sappia una cosa: LA PENSIONE TU, NON LA VEDRAI MAI.

 
 
Esatto non la vedrai, scordatela. Vuoi sapere il perchè?

  • Era un sistema sostenibile sono con uno stato in crescita e con molti giovani. L’Italia è vecchia e malandata.
  • Era basato su un sistema ingiusto. La pensione veniva data (fino al 1995) a tutti indipendentemente che abbiano lavorato o versato i contributi regolarmente.
  • Quando andrai in pensione tu, dovrai mantenere i baby boomer. Quelli che ora disprezzi sui social ma che sono la maggior parte della popolazione di qualsiasi paese del primo mondo. Non solo ti hanno rovinato facebook ma anche il tuo futuro, che culo eh?

Però siamo ottimismi. Forse la pensione pubblica ti verrà data ugualmente, ma sarà sensibilmente minore di quella dei tuoi nonni. Diciamo che sarà un 40% minore.

Ecco, se vuoi metterci una pezza ti propongo qualche soluzione:

  • Guadagna mille fantastillioni prima dei 60 anni
  • Vinci al superenalotto
  • Fottitene fino ai 70 anni e poi comincia a lamentarti che lo stato ti ha abbandonato fondando un partito politico che nessuno si cagherà
  • Fatti un fondo pensione integrativo, oggi

Ebbene si, oltre a versare i vari contributi tramite il tuo stipendio puoi aprire una pensione integrativa con un qualsiasi servizio a tua scelta (la tua ba.

La cosa buona della pensione integrativa è che lo stato italiano permette di dedurla dalle tasse che paghi ogni anno fino ad un massimo di 5164,57€.

Ma in sordoni come si calcola il mio guadagno?

  • Diciamo che tu guadagni, a lordo, ogni anno 28.000€
  • Il tuo scaglione di Irpef è (come visto in questo post) è del 23% fino a 15k e del 27% dai 15k ai 27%
  • Decidi di versare 3000€ l’anno nel fondo pensione

Bene, per capire quanto risparmi di tasse il calcolo è semplice: 3000€ * 27% = 810€

 In futuro quindi godrai dei 3.000€ di pensione integrativa versata (più i relativi interessi maturali) ma in realtà avrai speso solo 2.190€ (3000-810).

E l’investimento che hai fatto avrà un ritorno di investimento del… 27%. 

Per darti una metro di paragone lo S&P500 l’indice delle migliori 500 aziende della borsa americana è cresciuto mediamente del 11,7% ogni anno dal 1928.

In pratica hai due piccioni con una fava: da una parte metti da parte i soldi per il futuro, dall’altra fai il migliore investimento della tua vita.

Ti consiglio poi di controllare bene l’inquadramento di ruolo del tuo contratto. I grafici ad esempio sono inquadrati come “metalmeccanici” e godono di una serie di condizioni particolari per la propria pensione integrativa.

E se sono un regime forfettario o un regime dei minimi? Amico mio, come ben sai, ti attacchi al cazzo.

La deducibilità del fondo pensione vale solo per dipendenti e liberi professionisti con partita iva ordinaria.

Se volete approfondire click qui.

Se vuoi leggere altri articoli vai sulla WikiCafona, seguimi su Twitter o Telegram. Puoi sostenere Finanza Cafona economicamente acquistando su Amazon, facendo una donazione con Ko-fi o usando i miei codici Fintech:

  • AMERICAN EXPRESS: 5% di cashback sugli acquisti per 6 mesi richiedendo la Blu American Express
  • VIVID MONEY: conto e carta gratuita, ricchi cashback, 3 mesi prime gratis, 20€ in regalo dopo una spesa di 20€
  • YAP: 50€ di cashback sugli acquisti con il codice VITTORIOSIM
  • CURVE5€ alla prima transazione con il codice GDP4LQVE 
  • SATISPAY: 2€ gratis con il codice VITTORIOSIMONE