Mr. Rip è uno dei più apprezzati influencer italiani di finanza personale grazie alla sua attività di blogger prima e ora di creator su youtube.

Giorgio da molti anni vive in Svizzera e quindi ha un po’ perso il contatto con la caotica burocrazia italica con cui però, per forza di cose, ogni tanto ci si deve confrontare.

In uno degli ultimi video ha parlato della sua esperienza in quanto si è deciso a estinguere un vecchio conto banco posta con annessi 3 libretti postali.

Aiuto (non richiesto) a Mr. Rip - Finanza Cafona

Povera anima!

Per testimoniare questa odissea Rip ha pubblicato un video in cui racconta per filo e per segno la tragica epopea con la burocrazia italica.

Al netto del caso particolare ritengo sia una bella metafora per ognuno di noi. Usare raziocinio e oggettività con gli altri è semplice, meno facile è quando ci troviamo noi stessi in una situazione problematica.

Spesso basta fermarsi un attimo, sbollire e respirare. Se poi si è fatta una buona pianificazione, usato un po’ di pensiero laterale e fatte le giuste ricerche raccogliendo informazioni utili si è già un passo avanti.

Ma sto divagando!

Prima vi spiego cosa è successo a Mr. Rip e poi analizzo un po’ di passaggi dell’affaire!

ANTEFATTO: MR.RIP E LA CHIUSURA DEL CONTO BANCOPOSTA

Qualche settimana fa Mr.Rip (o Giorgio) in occasione di una vacanza italiana decide di chiudere il suo conto corrente Bancoposta e i suoi tre libretti postali.

Quando viveva in Italia era solito infatti usare questi servizi e per accumulare risparmi decise di aprire alcuni libretti postali. Vivendo in Svizzera da quasi un decennio è ormai inutile tenere aperto il conto Bancoposta e ancor meno, visti i suoi investimenti finanziari, i libretti postali aperti nel lontano 2003. 

Poste Italiane poi continua ad aggiungere piccoli costi commissionali e perché buttare soldi inutilmente? Vedete che anche i milionari ex google guardano al centesimo?

Ahi noi, le aspettative di risolvere la cosa velocemente vengono tradite.

Dopo due ore di attesa in fila alle poste Rip trova un cassiere pignolo. Sostiene che sia impossibile chiudere il conto in quanto ha dei libretti collegati di cui due cointestati.

Non avendo Rip neppure a disposizione i documenti il cassiere gli suggerisce di andare a fare una denuncia di smarrimento al commissariato e poi ripassare.

Ma il solerte brigadiere con cui parla gli fa notare un piccolo problema:

Non può sporgere denuncia per libretti cointestati

Le lamentele di Giorgio non hanno successo. Anche se si tratta di pochi centesimi quei soldi non sono solo suoi ma di due persone e quindi è necessaria una denuncia di smarrimento congiunta.

Il problema è che i libretti erano stati aperti con due ex fidanzate

Ora immaginate di contattare una ex e chiedergli di vedersi in caserma… un bordello! E infatti è tornato in Svizzera senza aver chiuso i conti

Se volete vedere il video eccolo:

Ma ora ditemi voi, o cari taccagni, posso esimermi da dare una mano a Giorgio?

Posso io, povero cafone poveraccio, non risolvere i patemi dell’amato creator, spiegargli cosa fare ora e magari evidenziargli “qualche” errorino?

1. EVITARE LA FILA ALLE POSTE

Partiamo dalla fila alle poste in quanto è un problema piccolo eppure fastidioso.

Mr. Rip, forse si è perso l’upgrade tecnologico delle poste italiane in quanto qualche anno fa è stata lanciata una comoda app: Ufficio Postale.

Si può fare accesso con Spid o, nel caso non si abbia questo servizio indispensabile in Italia, con le pass del conto bancoposta.

Fatto questo si sceglie la filiale delle poste e si prenota un ticket all’orario preferito

Basta poi inquadrare il QR code nel totem all’ingresso dell’ufficio postale e aspettare il proprio turno guardando sul ledwall.

Consiglio a Rip di fare la prenotazione almeno con un giorno di anticipo perché i numeri vanno a ruba, in effetti è un servizio super efficiente!

Io ho raramente atteso più di 2 minuti rispetto all’orario fissato!

Ah, occhio agli anziani, spesso è scattata la rissa per questi “sorpassi”.

2. PUOI CHIUDERE IL CONTO QUANDO VUOI

L’impiegato ha detto una cazzata.

Il conto Bancoposta si può chiudere quando si vuole e non possono fare ostracismo.

Nel 2006 Bersani ha liberalizzato il mercato bancario regolando la normativa a favore dei consumatori: la banca non può chiederti soldi e non può porti ostacoli alla chiusura del conto corrente, anzi deve eseguire l’operazione entro 15 giorni lavorativi pena una multa.

Persino se hai fatto un mutuo puoi chiudere il conto e spostare il pagamento del finanziamento come domiciliazione, pensa se hai dei libretti! Tsk!

Purtroppo questa tattica è usata spesso dagli istituti bancari in quanto così trattengono clienti, continuano a fare pagare canoni e possono spammarti loro prodotti.

L’unico problema si pone se si hanno libretti con accrediti ricorrenti sul conto postale o se si ha un saldo negativo, ma anche cosi si risolve facile.

Per chiudere il conto comunque basta compilare questo modulo e consegnarlo in filiale. Una procedura che potrebbe essere anche più semplice usando la PEC o tramite il servizio di portabilità offerto da diversi istituti (Widiba, BBVA, Findomestic).

Purtroppo Poste non permette la chiusura tramite PEC e Mr. Rip non ha interesse ad aprire altri conti in Italia, quindi il modulo deve esser consegnato in filiale o con raccomandata tracciata!

Per il libretti invece la faccenda è diversa e sono utili le FAQS sul sito delle poste

3. I LIBRETTI DORMIENTI NON C’ENTRANO NULLA

Durante il video Mr Rip cita i “libretti dormienti” sperando che si estinguano da soli.

Ecco, non funzionano così libretti e conti dormienti!

I Libretti di risparmio postale cosiddetti “dormienti” sono i Libretti non movimentati dal titolare da più di 10 anni, non sottoposti a procedimenti o blocchi operativi che ne impediscano la movimentazione delle somme e che abbiano un saldo superiore a 100 euro.

Da quanto emerge nella parte finale del video il saldo sui libretti postali è di pochi euro e quindi non rispetta il criterio del saldo superiore ai 100€.

Inoltre, visto che Mr.Rip ha il conto attivo da oltre 20 anni, avrà bonificato piccole cifre per saldare il canone vanificando ogni tentativo di rientrare nella fase dormiente del conto.

4. IL POLIZIOTTO HA RAGIONE

Su suggerimento del cassiere delle poste Mr. Rip si reca al commissariato per fare denuncia di smarrimento dei 3 libretti postali.

Vi ricordo che 2 di questi erano cointestati con altre persone.

Il poliziotto alla richiesta di Rip dice che non può fare la denuncia

Giorgio fa notare come si tratti di pochi centesimi e il poliziotto continua a far presente l’impossibilità di continuare con la denuncia: serve anche l’altro cointestatario.

Beh, il poliziotto ha ragione.

E qui purtroppo mi sembra ci sia un bias grosso come una casa sul bizantinismo burocratico Italiano. Per carità, è dato da esperienze di vita ma in questo caso Mr. Rip è in errore.

Non importa quanti soldi siano depositati, se pochi centesimi o qualche milione, una parte di quei soldi non appartengono a Giorgio.

È giusto quindi che il poliziotto abbia fatto rispettare la legge e lo abbia rimandato a casa. Capisco il disagio nell’attesa e dei vari contrattempi eppure provo a fare un “pensiero critico” di quelli che piacciono tanto al nostro blogger finanziario.

Se Rip ha aspettato è perché probabilmente il suo caso era poco importante e c’erano esigenze più impellenti.

Nell’attesa avrà notato anche le condizioni delle strutture dove lavorano le forze pubbliche. Al meglio sono rimaste intonse dagli anni ’70.

Dato questo e lo stipendio miserrimo io lavorerei molto peggio di quanto facciano le forze dell’ordine. E anzi perderei la pazienza con grande velocità.

L’aplomb di certi poliziotti e carabinieri è ammirevole. E ancor di più in questo racconto dove vedo un professionista esemplare capace di svolgere alla grande il suo compito, anche se purtroppo è andando contro gli interessi di Mr.Rip stesso.

Non ho avuto modo di approcciarmi con le forze dell’ordine di altri paesi (e non ci tengo) ma questo articolo di Nebo Zuliani fa un po’ di fan fiction su un evento di cronaca reale, leggetelo.

5. L’ORGANIZZAZIONE AIUTA A RISPARMIARE TEMPO

Ah, ma alla fine non c’era la necessità di fare la denuncia di smarrimento!

Preso dal raptus dell’incazzatura (lo capisco) Rip, rientrato a casa in Svizzera, ha cominciato a sbracare mezza casa per recuperare sti benedetti libretti postali.

E ne ha trovati due di tre

Ecco forse era una cosa da fare all’inizio dell’avventura e non dopo, no?

Se li avesse portati allo sportello delle poste la storia non sarebbe cambiata ma quanto tempo ha perso nella ricerca? Io ve lo dico sempre organizzare i documenti personali è un salvavita! Sembra non servire ma poi quando capita il fattaccio… serve!

Imparate dagli errori (anche degli altri), può bastare davvero poco per passare dalle bestemmie a portare un risultato a casa!

CONCLUSIONI: MR.RIP VS POSTE ITALIANE

Vabbè ma alla fine? Beh Rip parlo direttamente a te!

Capisco l’incazzatura ma avrai tempo di sbollirla! Il conto lo puoi chiudere e la fila alle poste la salti facile, per il libretto postale la questione è più complessa!

Quello intestato a te lo puoi chiudere quando vuoi, quello cointestato puoi chiuderlo solo se al tempo erano stati aperti con la formula della firma disgiunta. Se non rientri neanche in questa casistica l’unica possibilità rimasta è portarli a scadenza e lasciare che si occupi della pratica l’ufficio postale.

D’altronde hai aspettato 20 anni, cosa succede per qualche mese in più? 

Puoi sostenere il blog spammandomi ovunque, seguendomi su Twitter o Telegram o iscrivendoti alla Newsletter o ascoltando il Podcast. Se invece vuoi mostrare il tuo apprezzamento in altra maniera acquista su Amazon da questo link o usa i miei referral:

  • NEN: 48€ di sconto su ogni fornitura di luce e gas, 96€ se fate la combo usando il codice promo NeN SCONTOCAFONE48
  • BUDDY: 50€ di bonus all’iscrizione all’apertura di un nuovo conto e dopo aver fatto una transazione di almeno 10€ con la carta MyOne. Usa il codice 5D4ABC al momento della registrazione per accedere alla promo.
  • CREDEM: Ricevi 200€ di buoni Amazon aprendo un nuovo conto usando il codice SUMMER200 e accreditando stipendio/pensione o spendendo almeno 1000€ con la carta entro il 22 settembre
  • CREDIT AGRICOLE: Apri un nuovo conto usando il codice VISA, ottieni 50€ in buoni amazon con la prima transazione con carta e altri 100€ spendendo denaro. Clicca qui per capire come funziona la promo
  • AUDIBLE: 30giorni di abbonamento gratuito ai nuovi iscritti

Sull'autore

FinanzaCafona

Founder & Editor

Sono un povero come te che scrive la maggior parte degli articoli di questo blog. Non mi dare troppo retta perché sono un fesso senza studi economici o finanziari però, se vuoi, puoi amarmi.

Guarda tutti gli articoli