A quanto pare gli articoli sul debuking dei miti finanziari ti sono parecchio piaciuti, però il Leader Maximo Cafunis ha perso un po’ la verve per continuare questa serie e mi ha passato lo scettro della rubrica.

Ti giuro che sto cercando di farmi venire l’ira funesta necessaria per scriverla ma sono una persona amorevole e non mi viene proprio!

Dopotutto siete brave persone e lui vi sta educando proprio bene…

Debunking dei miti finanziari Pt. 3 - Finanza Cafona

Ah! Ecco come usi i bonus bancari degli ultimi tempi! Incassi e compri cagate dal servizio in camera dell’albergo! Ma che cazzo, allora fa bene a entrare a scrivere in rage mode!!

Eh, no, è tornato il tempo di sfatare un altro pacco di miti finanziari.

Bestiacce, cosa mi fate fare!

Se vuoi approfondire il tema della fallacia mentale nella Finanza Personale ho aperto un sito in cui raccolgo i maggiori errori finanziari: Financial Fallacies.

Dagli una occhiata e fammi sapere che te ne pare!

1. NON VOGLIO PENSARE AI SOLDI

Eccoli, i virgulti, rampolli di goderecce ricche famiglie. Ma io che ne so, vengo dalle favelas, chiedetelo al Boss che è cresciuto a Roma Nord: quanti si credono al di sopra dei problemi finanziari e si rifiutano di affrontarli!

Credere che i soldi non siano qualcosa da affrontare può portare a problemi gravi, e non solo finanziari.

Innanzitutto, a meno che non siate nati Paris Hilton, ignorare la gestione finanziaria personale può condurre a indebitamento, mancanza di risparmi e stress finanziario. Oltre a una serie interminabile di inculate da tutti quelli che, osservandovi, non vedono altro che un pollo da spennare.

In secondo luogo, checché ne dicano brufolosi idealisti al liceo Manzoni, sul gretto materialismo si fondano tanti rapporti umani importanti.

Matrimonio, figli, cura dei genitori, persino il tempo che potete dedicare al volontariato o alla pittura dipende, anche, dalla vostra capacità di gestire i soldi.

Quindi non ci sono scuse: la finanza personale dovete affrontarla, almeno le basi.

Altrimenti ne pagate le conseguenze.

2. IN ITALIA È IMPOSSIBILE RISPARMIARE

Minchia, i nostri nonni si stanno rivoltando nella tomba, ma che dici?

Ok, i salari medi reali italiani sono leggermente diminuiti nell’ultimo ventennio, ma ciò non giustifica il non risparmiare. Dopotutto il potere d’acquisto, grossomodo, è stato mantenuto.

Tant’è che nel 2022 la propensione al risparmio delle famiglie italiane è stata comunque dell’8.0% e il tasso di investimento ha raggiunto il 9.0% (dati ISTAT) Quindi, anche se un po’ poco, si può risparmiare e investire, anche in Italia.

La chiave sta nel pianificare un bilancio, identificare le spese superflue e trovare modi per aumentare le entrate. Non è scienza missilistica.

Ma forse quello che intendi come “è impossibile risparmiare in Italia” è che non si puoi comprare ogni cagata che ti salta in testa. In tal caso hai perfettamente ragione.

3. IL COMMERCIALISTA MI CONSIGLIA GLI INVESTIMENTI

E anche dove fare la manicure, quale auto comprare e quale posizione del Kamasutra sia più adatta a rafforzare le spalle dato che ci sei!

Debunking dei miti finanziari Pt. 3 - Finanza Cafona
Non credo proprio fosse quella.
Photo by Indian Yogi (Yogi Madhav) on Unsplash

Ho sentito troppe persone che chiedono consigli al commercialista su come gestire la propria attività e come gestire i risparmi.

Ma, udite udite, i commercialisti a malapena sono in grado di farti una dichiarazione dei redditi corretti. Di base sono degli esperti di tassazione, non dei consulenti finanziari!

Si tratta di due expertise molto diversi: il primo si occupa di tasse, l’altro d’investimenti.

Son due mondi a parte, non dovrei neanche stare qui a scriverlo e tanto vale ricevere consigli d’investimento da un pirla qualunque come me medesimo, magari davanti a qualche birra che faciliti il processo decisionale.

È importante, invece, cercare consiglio da esperti finanziari indipendenti che abbiano una conoscenza specifica degli investimenti e che possano consigliarti sulla base delle tue esigenze finanziarie personali. In generale un piccolo investitore può fare da se studiando quando basta per non fare stupidate (non ci vuole tantissimo) o appoggiandosi a servizi online (tipo FinanceDrip).

4. DEVO ACQUISTARE IL MEGLIO PER LA MIA FAMIGLIA

Che uno debba fare del proprio meglio per coloro dei quali è responsabile ci sta. Ci provo anche io.

Qui l’errore sta nel pensare che il meglio si possa sempre comprare.

È una sciocchezza in ogni ambito.

Innanzitutto, ci sono delle cose che non si possono comprare, te lo dice pure MasterCard, che ha un chiaro conflitto d’interessi.

Inoltre, acquistare il “meglio” può portare a spese eccessive. È importante bilanciare il desiderio di fornire alla famiglia con il bisogno di risparmiare e investire per il futuro.

A volte, investire in esperienze significative e nell’istruzione dei membri della famiglia può essere più importante che comprare beni materiali costosi.

Ricorda anche la Legge dei rendimenti decrescenti:

Ad ogni apporto di un fattore qualsiasi non corrisponde un incremento di produzione proporzionalmente crescente

Ergo se spendi 500€ per uno zaino scolastico, non ottieni uno zaino 5 volte migliore rispetto a uno da 100€.

Infine, la coperta è sempre troppo corta: se compri il meglio di X rischi di non avere più le risorse per comprare il minimo di Y. In tal caso non stai facendo un buon lavoro.

5. I SOLDI SON FATTI PER ESSERE SPESI

Questa sembra vera. Dopotutto, che fai, te li porti nella tomba?

Ma anche qui c’è una parola problematica: spesi.

I soldi vanno usati, non necessariamente spesi.

Ci puoi ottenere molte cose interessanti dai soldi senza spenderli: sicurezza, libertà, tranquillità. Con un po’ di soldi da parte puoi lasciarti scappare molti più “vaffanculo” rispetto al vivere di stipendio in stipendio.

Se poi fai lavorare i soldi per te puoi liberare tempo o toglierti qualche sfizio extra.

In questo caso, quello che conta davvero è usare i soldi in modo sensato, per ottenere il massimo. Far sì che ogni singolo euro abbia uno scopo, un lavoro da fare, che sia procurarti il pane, pagare le vacanze estive, pararti il culo in caso succedano casini oppure produrre altri euro tramite gli investimenti.

Insomma, invece di considerare solo quello che puoi comprare spendendo i tuoi soldi devi allargare le tue vedute: pensa a quello che puoi ottenere usandoli.

Più generico, più vero.

6. L’OBIETTIVO È DIVENTARE RICCHI

La mia corrente filosofica preferita è lo stoicismo romano. Secondo questa dottrina, l’obiettivo di una persona saggia è “dentro di sé”, non fuori da sé.

…Voodoo…

guru finanziario
Beccati un santone.

Quello che vogliono dire è questo: la sorte ha un ruolo importante nella vita di tutti noi.

Puoi fare del tuo meglio e giocarti le carte nel modo più intelligente possibile e la sorte può comunque rovesciarti addosso tonnellate di guano. Una persona saggia capisce questo, quindi mira solo a fare del suo meglio, senza aspettarsi nulla.

Controlla solo quello che può controllare: quello che fa, non quello che ottiene.

Dove voglio arrivare? Semplice: non abbiamo abbastanza controllo sul diventare ricchi o meno, qualsiasi cosa voglia dire, poi. Abbiamo solo la possibilità di fare le cose più intelligenti e sperare che ce la mandino buona.

L’obiettivo finanziario di ognuno dovrebbe essere la sicurezza finanziaria e la stabilità, non diventare ricchi. Concentrandosi sulla gestione del denaro, sull’investimento e sul risparmio, è possibile raggiungere una situazione finanziaria sicura che offre tranquillità e flessibilità. Questa è molto più facile da ottenere che non la ricchezza, eppure porta gran parte dei benefici di quest’ultima.

Tanto, se la sorte si mette di traverso, saremo comunque fottuti.

CONCLUSIONI DEI MITI FINANZIARI PARTE 3

Beh dai, abbiamo cercato di distruggere un altro po’ di cazzate finanziarie.

Questa volta è stato più concettuale e astratto rispetto alle puntate scritte dal nostro Giulio Cesare dell’ignoranza (qui parte uno e parte due) ma che volete, ognuno di noi ha il suo approccio.

È stato comunque un piacere tornare qui. Alla prossima!

Oh, prima di levarmi dal cazzo, ti ricordo che sto raccogliendo e debunkando fallacie finanziarie su: Financial Fallacies. Dagli una occhiata, seguilo su Telegram, fammi sapere che te ne pare e mandami le cagate che ti saltano in testa, è sempre uno spasso.

Puoi sostenere il blog spammandomi ovunque, seguendomi su Twitter o Telegram o iscrivendoti alla Newsletter. Se invece vuoi mostrare il tuo apprezzamento in altra maniera acquista su Amazon da questo link o usa i miei referral:

  • NEN: 48€ di sconto su ogni fornitura di luce e gas, 96€ se fate la combo usando il codice promo NeN SCONTOCAFONE48
  • AUDIBLE: 30giorni di abbonamento gratuito ai nuovi iscritti
  • THE FORK: Apri un profilo, fai una prenotazione e usa il codice sconto 84530FDA per ricevere 2000 YUMS in regalo, pari a 50€ di sconto
  • PAYBACK AMERICAN EXPRESS: 10000 punti payback (50€ di sconti) dopo una spesa di 1000€ in 3 mesi

Tagged in:

About the Author

Salto Mentale

Babbo, ingegnere e autore presso il blog Salto Mentale. Parlo di finanza in senso ampio!

View All Articles