Vi ho parlato un milione di volte del fondo di emergenza e di quanto sia importante ma mi sono accorto di non avergli mai dedicato un articolo.

Lo so, lo so, ormai sembra che ricicci sempre gli stessi temi oppure li sminuzzi per fare gli articoli ma i motivi sono fondamentalmente due:

  • Sono cose importanti
  • Sono ormai un vecchio rincoglionito

Scegli tu quale ti sembra più adeguata al caso

il fondo di emergenza
<3

Vabbè parliamo delle cose importanti.

Il fondo di emergenza è composto da dei risparmi, accumulati nel tempo, e che non devono mai essere toccani se non in caso di estrema necessità. 

Nel costruire un fondo d’emergenza i nodi da sciogliere sono diversi. Incominciamo dal primo e dal più semplice.

QUALI SONO I CASI IN CUI POSSO USARE IL FONDO?

  • DISOCCUPAZIONE – Perdi il lavoro e non riesci a pagare le spese per sopravvivere. E’ un punto fondamentale per chi è una partita iva ma è meno importante per i lavoratori dipendenti (che possono usufruire della NASPI).
  • MALATTIA O SPESE MEDICHE – Te lo devo spiegare?
  • SPESE IMPREVISTE – Si rompe la caldaia di casa oppure prendete una buca e le sospensioni della macchina si distruggono improvvisamente? Puoi prendere dei soldini dal fondo per affrontare una grossa spesa imprevista.
  • SUPPORTO A FAMIGLIARI – Nel caso i vostri amici o parenti abbiano bisogno di un aiuto economico improvviso potete attingere a questi fondi.
  • PANDEMIA – Se avessi scritto questo articolo 1 anno fa mi avesti preso per il culo, eh? E invece…

Queste sono le uniche spese messe in conto, PUNTO.

QUANTI SOLDI DEVE CONTENERE IL FONDO DI EMERGENZA?

 

  • MESI – I baby step di Ramsey spiegano di cominciare a mettere da parte, all’inizio, un mese di spese mensili medie fino ad arrivare a 6 mesi. Personalmente ti consiglio di mettere da parte almeno 3 mesi di spese vive e poi arrivare velocemente a 6 mesi.
  • BUDGET – Giustamente ti chiederai: “Ma come faccio a sapere quanto spendo mediamente?” Molto semplice: ti fai un cazzo di budget! Fare il budget vuol dire segnarti tutte le spese che hai fatto (con un foglio excel o ancor meglio con una delle mille app sul mercato) per almeno 3 mesi. Quindi fai la somma delle spese del trimestre e dividi per 3.
  • IN SOLDONI – Se le tue spese medie mensili sono di circa 1000€ al mese vorrò dire che dovrai avere da parte tra i 3000 e i 6000 euro nel fondo di emergenza.
  • TRICK –  Per non lasciare il denaro a marcire in maniera infruttuosa puoi anche mettere quel denaro in una conto deposito non vincolato che garantisce una rendita netta annuale dello 0,8%. Un conto non vincolato ti permette di ritirare subito i tuoi soldi dal conto deposito (circa 48h) e di avere in cambio, in caso non utilizzassi il fondo, un rendimento passivo. Anche se è un guadagno misero è comunque meglio di niente.

COME ALIMENTO UN FONDO DI EMERGENZA?

  • NON FARE ACQUISTI COMPULSIVI – Quando devi acquistare ragiona.

Ricordatemi quando avrete seguito i miei consigli e vedrete tutti i vostri amici nel panico mentre voi sorseggiate un mojito.

Se vuoi leggere altri articoli vai sulla WikiCafona, seguimi su Twitter o Telegram. Puoi sostenere Finanza Cafona economicamente acquistando su Amazon, facendo una donazione con Ko-fi o usando i miei codici Fintech:

  • AMERICAN EXPRESS: 5% di cashback sugli acquisti per 6 mesi richiedendo la Blu American Express
  • VIVID MONEY: conto e carta gratuita, ricchi cashback, 3 mesi prime gratis, 20€ in regalo dopo una spesa di 20€
  • YAP: 50€ di cashback sugli acquisti con il codice VITTORIOSIM
  • CURVE5€ alla prima transazione con il codice GDP4LQVE 
  • SATISPAY: 2€ gratis con il codice VITTORIOSIMONE

FONTE IMMAGINE:  George Hodan (publicdomainpictures.net)